Stamperia d’Arte Albicocco – Mostra a Maniago

20120316_163657

Una grande mostra quella di oggi a Maniago, presso il Museo delle Coltellerie, sullo stampatore d’arte udinese Albicocco. Un momento che considero fondamentale da ricordare perchè ha sottolineato, come tutte le grandi inaugurazioni di grandi mostre, alcune cose assolutamente banali eppure fondamentali nell’arte: lo stampatore è fratello dell’artista, lo stampatore è esso stesso artista pur non dichiarato, lo stampatore è stato spesso nella storia l’unico capace, non per capacità economica ma per umanità, d’offrire all’artista letteralmente un tavolo da lavoro dove poter rimettere in gioco la propria vita. Una vita contro l’inverno, la guerra, la vita stessa. Tanto Safet Zec a Udine da Albicocco quanto Picasso nei locali di Mourlot. Storie di incontri e momenti drammatici che danno all’arte l’impressione inchiostrata della ricostruzione. Perchè l’artista quando ricostruisce se stesso ricostruisce il mondo, da sempre incapace di reggersi in piedi. E dietro c’è uno stampatore, c’è un tipografo, c’è un editore.

Da questo nasce l’eternità dell’arte.

 
 

(Un altro articolo sullo stampatore d’arte Albicocco: Non so chi ti abbia impoverito il cuore)

 

(Un piccolo omaggio poetico allo stampatore d’arte Albicocco: Come un crescere d’ortiche)

 
 
 
20120316_164016

20120316_163952

20120316_163942

20120316_163903

20120316_163858

20120316_163850

20120316_163842

20120316_163755

20120316_163914

20120316_175110

20120316_163736

20120316_174254

20120316_173938

20120316_161552
 
 
 
 
 

Advertisements