Una recensione al Condominio di Mario Fresa su Poesia Inverso

Alessandro Canzian, una delle voci più originali e riconoscibili della nostra poesia recente, ha pubblicato in questi mesi, presso Stampa2009 – nella prestigiosa collana curata da Maurizio Cucchi – un libro di misteriosa bellezza: Condominio S.I.M. È un mobile e singolare “romanzo” frammentato che mostra schegge, istanti, lacerti e ricordi di esistenze “normali” e abnormi allo stesso tempo. Un luogo sì naturale, ma anche labirintico e ossessivo, attraversato da lampi di oscurità intricata e di torbide e irresolute ambiguità. Il mondo poetico di Canzian potrebbe certo sembrare, a una prima lettura, quasi innocentemente limpido e “ospitale”, anche in virtù dell’equilibrato nitore e della sobria compostezza del suo tocco linguistico; ma le atmosfere delle sue vivaci e impazienti narrazioni si rivelano, a un’analisi non superficiale, costantemente sibilline ed elusive, perché mosse, senza requie, da imprevedute modulazioni di obliquità impure, caliginose.
All’improvviso, dunque, l’apparentemente placida e distesa scrittura s’increspa e si trasforma in un luogo inquieto e perturbante, cogliendo di sorpresa il lettore che ne resta sempre scosso e smarrito (se non addirittura turbato). La stessa realtà descritta appare incomprensibile e cangiante, come segnata da contorni evanescenti o da interne irrequietezze che mostrano inattesi bagliori di enigmatica trepidazione.


È una poesia che rilegge la realtà con misurata ma partecipe tensione emotiva, scoprendone le sotterranee devianze, il male, la durezza o la crudeltà profondamente incisi nella stessa natura delle cose o nei rapporti umani: «Aldo oggi l’ho visto strano. / forse ha cambiato donna / delle pulizie o si è innamorato / di un corpo giovane e facile, / uno di quelli che odorano / di sangue e poi ti dicono / “patti chiari e amicizia lunga”.» La narrazione si fa spesso ritrosa e reticente. Così, gli eventi accidentali del vivere quotidiano si mutano in misteriose occasioni di stupore e di sospensione, di ombrose scoperte e di inspiegabili trasalimenti: e il mondo scrutato appare, allora, luminosamente aperto e indecifrabile, “ordinario” e prodigioso a un tempo: «È bizzarra questa Giulia che / guardo ma non conosco. / Le calze scure, i tacchi / appena un poco alti e / i capelli arricciati come polvere. / Giulia oggi è un melograno». Una poesia che allarma e scuote, quella di Canzian, capace di ritrarre, come registra Maurizio Cucchi nella sua prefazione, «la normale quotidianità dell’esserci», compresi i suoi «piccoli orrori e le piccole aperture vitali», con una «limpida nettezza comunicativa» che rende, quasi, ancor più straniante e suggestivo il mosaico di figure e di vicende di questo poemario ossimoricamente onirico e concreto, realistico e immaginoso.

Mario Fresa

Continua su Inverso Giornale di Poesia