Questionario di Poesia n.58

_Z5G0510

Una bella intervista fattami da Mario Fresa, prefatore del mio Il colore dell’acqua, che ringrazio

 

Questionario di Poesia n.58

Qual è il segreto progetto a cui tende la tua scrittura?

Parlare di segreto progetto forse è un po’ eccessivo. Quello che posso confessare è un intento, più o meno riuscito, nell’approcciarmi alla parola scritta e in quanto scritta anche strutturata. Il mio intento è la definizione e la conseguente trasmissione di una verità universale e condivisa, o almeno condivisibile, di una sorta di archetipo similmente alla poesia epica col desiderio di avvisare, ammonire, nel caso migliore aiutare il lettore in quanto uomo. In senso più lato vorrei fosse una fotografia/testimonianza del tempo dove qua e là appaiono piccoli spunti di riflessione, suggerimenti, minimi momenti attivi di costruzione del mondo e della sua realtà oltre la passività naturale della fotografia stessa.

Come nasce, in te, una poesia?

In questo devo ammettere che come autore sono molto limitato. I miei versi nascono da un’esperienza vissuta ed entro i termini di grandi esplosioni sporadiche di creatività. Inframezzate da lunghissimi momenti di inattività. La vita vissuta è sempre il momento iniziale e diventa verso nel momento in cui si collega a un’idea più ampia. Nel momento in cui diventa metafora, o addirittura allegoria.

Un poeta parla di ciò che realmente vive o di ciò che vorrebbe ricevere, e che sempre gli sfugge?

Qui bisognerebbe ben definire cos’è un poeta. O perlomeno mettersi d’accordo. Perchè oggi abbiamo una gran confusione sul termine e sulla sua funzione. Io comunque mi sono fatta un’opinione abbastanza netta e vado a dirla. Il poeta, come l’uomo, deve parlare di ciò che sa sulla base di ciò che conosce. Poi in questa coscienza/conoscenza delle cose può tentare di dire ciò che manca. Meglio se ciò che manca all’uomo in quanto tale e non solamente a lui in quanto singola persona. Resta che il parlare di ciò che manca, di ciò che sfugge, è un passo molto in là perchè implica la piena conoscenza di ciò che c’è. E questa non è una cosa tanto banale in fondo.

continua qui

 
 
 
 

ilcoloredellacqua
 
 
 
 
 
 

Annunci