Un gelato al limon – Federico Rossignoli – da Versante Ripido

hopper

 

Cò te cavi le muandine
suade, le se intorgola
a mò de corona, finché
no le toca i piè par tera,

‘ndo che te speto: col far
de na nina che la ‘soga
a canpana te le lassi
in drìo, cò un saltìn.

Quando togli le mutandine / sudate, s’attorcigliano / a mò di corona finché / non toccano i piedi per terra / dove ti aspetto: col fare / di una bimba che gioca / a campana le lasci / indietro, con un saltino.


*

 

Un suon lontan de erica
pur se cucià vissin de ela
un vestidìn che ‘l fa vedér
lisiér fin soto l’anema
ma guai farghe caresse su la pele
co te la bagni scanpa via pavele.

Un suono lontano di erica / pur se accucciato vicino ad essa / un vestitino che fa vedere / leggero fin sotto l’anima / ma guai a farle carezze sulla pelle / come la bagni fuggono via farfalle.

 

*

Costruisso chebe ‘torno
al to corpo col me corpo
e anca ti te fa conpagno
par veder rugnar la bestia
serar de denti svodi.

Sbrissa via da la to lingua
la favela e resta el fià
drìo del batito del cuor
che’l ne par corsa de bolpe
che la ga scanpado el can.

Costruisco gabbie attorno / al tuo corpo col mio corpo / e anche tu fai lo stesso / per vedere ringhiare la bestia / serrare di denti vuoti / Scivola via dalla tua lingua / la parola e resta il respiro / dietro al battito del cuore / che sembra corsa di volpe / che ha scampato il cane.

 

*

Femenuta cul de persego
mi so ‘l to vermo schifoso
foresto in ‘sto paradiso

 

Femminuccia culo di pesca / io sono il tuo verme schifoso / straniero in questo paradiso

 

*

Te son fiama che la cava ‘l sonno
e do dei bagnai no i bastarà par distuarte.

Sei fiamma che toglie il sonno / e due dita umide non basteranno a spegnerti.


*

 

Te son sai più avanti
de mi longo la riva
te ridi e te siga “Vien!”
da ogni giossa del corpo
quel tuo e quel mio, strenti
sai più del grop al bikini

 

Sei molto più avanti / di me lungo la riva / ridi e gridi “Vieni!” / da ogni goccia del corpo / quello tuo e quello mio, stretti / molto più del nodo al bikini

 

*

A che fioro del me masso
te someia? L’orchidea
te par co te se ver’si
e carnivora te speti
qualche bestia che se pusi.
El geranio ga ‘l color de
co te disi che no posso
lo stes che po te ciapa
co te ciogo parché voio.
E che fioro polo esser
par le tete, se no quel che
mal le sconde co ele spoie,
come pol la margarita?
La rosa te pol ciorla
con un piè par stusigarme
fin drentro la boca
e la viola la sbrissa
torno i polsi massa strenti.

 

A che fiore del mio mazzo / assomigli? L’orchidea / sembri quando t’apri / e carnivora aspetti / qualche animale che s’appoggi. / Il geranio ha il colore di / quando dici che non posso / è lo stesso che poi prendi / quando ti prendo perché voglio. / E che fiore può essere / per i seni, se non quello che / male li nasconde quando spogli / come può la margherita? / La rosa puoi prenderla / con un piede per stuzzicarmi / fin dentro la bocca / e la viola striscia / attorno ai polsi a troppo stretti.

 

 

 

continua su: http://versanteripido.wordpress.com/2014/01/05/un-gelato-al-limon-il-versante-liquido-delleros-versi-di-federico-rossignoli/

 

 

 

Annunci