Poesie – Sonia Lambertini

imageso

«Falsi movimenti» – il collegamento al titolo del film di Wim Wenders, Falsche Bewegung / Falso movimento,  ispirato al romanzo di Goethe  Gli anni di apprendistato di Wilhelm Meister, nell’adattamento di Peter Handke, è inevitabile – contrazioni e inesorabili arresti, duetti che reinterpretano in maniera originale la varietà compositiva del “contrasto”, improvvise chiusure e prospettive aperte, punizioni e poesie lette e portate con sé si alternano nelle Sequenze, testi inediti di Sonia Lambertini.  (amc)

 

Sonia Lambertini, Inediti

da http://poetarumsilva.com/2013/09/06/sonia-lambertini-inediti/

 

 

Sequenze

Lei
sulla soglia
aspetta

Dentro (open space)
penombra, coni di luce, falsi movimenti
Attesa

Lui
entra e punta dritto, perpendicolare

Lei
hai fretta?

E lui
no, si tratta di essenzialità
Nient’altro

*

Credo nella carne
e nell’incontro,
d’ossa allo sfregamento
rumore secco
al legame, chimico

Esiste il baratro

e lì ci affacciamo
stretti, un po’ alla terra
su cui ci amiamo
e un po’ alle natiche
ai seni
ché l’importante è sentire.

*

A te

che ami la prospettiva
quella che si guarda
in cima alla coda

dico

prendimi la testa
e quando sai tu
girala

tienimi stretta
guarda in fondo agli occhi
lì, c’è qualcosa che non sai.

*

Ed ora

lasciami al buio.
Mentre te ne vai
io ti guardo
con le pieghe
ancora sfatte.

*

Il maledetto vizio
della Cura.

La donna che c’è in me

non lo perde e liscia il pelo
si riempie la bocca
quasi a soffocare.

La donna che c’è in me

la vorrei fuori, un passo avanti
una spinta
ed ecco fatto

*

Ho trovato la risposta che cercavo,
nel cuore:
cellule di dubbia natura
bordi irregolari
si nota
all’interno del ventricolo sinistro
una zona necrotica.

Morte del sentimento.

*

Troverai nell’urna:

il ramo delle punizioni
(quello sottile e lungo)
poesie di Ingeborg Bachmann
frutta secca
sigarette, per te

metti il caso cambi idea
e vieni con me.

 

 

____________________________________________

Sonia Lambertini scrive di sé: «Nasco a dicembre il giorno di Natale. È uno strano giorno per venire alla luce e complice la quadratura di Saturno mi muovo tra le ombre e senza santi. Non ho poesie scritte a sei anni ma occhi che vedono una parte del mondo, quello della lotta tra la carne scaduta ed il pensiero ancora vivo che cerca l’eternità. Le idee vanno veloci e fanno rumore, cercano di rubare la scena al teatro asciutto della vita reale. Credo la poesia sia un distillato di parole ed emozioni. Una ricerca continua di nuove forme di linguaggio tra le cose e dentro noi stessi. Quello che mi affascina della poesia è il potere di ogni singola parola, la capacità di penetrare nella carne e lasciare i segni del suo passaggio. Alcune poesie sono state pubblicate nel blog Carte sensibili,  nel periodico culturale l’Estroverso e nella rassegna di Letteratura Lunarionuovo. Finalista nella sezione Inediti al Premio Internazionale di Poesia Mario Luzi 2013».

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close