su Sergio De Giusti, di Alessandro Canzian

catalogo mostra

I TERRITORI DEL’UOMO

Sergio De Giusti è uno scultore. Uno scultore anche quando dipinge con tratti leggeri e al contempo eterni. Senza tempo. Quasi fossero già compiuti nel tempo.
Perchè l’impressione che si ha osservando i suoi carboncini sparsi nelle varie case maniaghesi, appesi a pareti che trattengono con certa intima gelosia ed orgoglio la sua storia (De Giusti è nato a Maniago nel 1941), è proprio quella di una atemporalità ricercata nei paesaggi, negli sfondi, di tutto il mondo.
E non vanno dimenticati i suoi lavori ben più recenti che ricercano una tangente comune e accomunante tra, ad esempio, la guerra in Iraq e gli elementi storici dell’antica Mesopotamia. Quasi a esplorare un minimo comun denominatore che, oltre il passare dei millenni, lasci l’impronta di un significato.
E i disegni di De Giusti, lontani quanto l’Italia dal suo Michigan da un taglio  commerciale composto da direttive e richieste specifiche, da compiacenze, sono in effetti significati di luoghi ricordati. Evocazioni di quei luoghi.
E in quest’ottica è doveroso citare la recente (Detroit 2010) mostra dell’artista dal titolo “Tenebroso”, della quale non senza una certa meraviglia troviamo un importante precursore in un disegno del 1979 custodito in un appartamento di Maniago. Un intenso movimento dentro gli anni per uscire dagli anni.
Ma c’è anche un altro elemento che colpisce l’attenzione nelle penombre, nelle memorie e nei venti accennati di Sergio: la quiete.
Vi è un silenzio che solo la diretta visione del quadro, e non la sua fotografia, restituisce in tutta la sua profondità. Un silenzio che entra dentro il quadro e che è la connotazione principale e più evidente della grandezza di questo artista mai del tutto riconosciuto in Italia (pochissime sono le sue mostre, e sconosciuto è il suo titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana per meriti artistici), nonostante le amicizie importanti (ad esempio Mauro Corona) e i suoi doni artistici (sua la porta della Chiesa di San Vito a Maniago Libero). Una grandezza che traspira anche nella relativa semplicità (che mai vera semplicità è) di disegni regalati ai familiari.
Perchè quando l’arte rinuncia a colpire scandalisticamente il fruitore con immagini forti, violente (una cosa solo commerciale finalizzata alla soddisfazione altrui, al vendere) e mantiene il suo discorso alto e forte, intenso e penetrante, talora anche dolorosissimo, ma vestito di un velo di quiete (la quiete del poeta, il suo bene), allora non possiamo che considerare questa arte una vera Arte.
Come quella che troviamo in questi disegni così datati eppure così contemporanei.

Alessandro Canzian

Quadro_01_(1024_x_768)

Quadro_02_(1024_x_768)

Quadro_03_(1024_x_768)

Quadro_04_(1024_x_768)

Quadro_05_(1024_x_768)

Quadro_06_(1024_x_768)

Quadro_07_(1024_x_768)

Quadro_08_(1024_x_768)

Quadro_09_(1024_x_768)

Quadro_10_(1024_x_768)

Quadro_11_(1024_x_768)

Quadro_12_(1024_x_768)

Sergio De Giusti
Nato il 25 Settembre 1941 a Maniago (Pordenone) da Giovanni e Lina, insieme alla sorella gemella Adriana. Nel 1944 il padre ritorna a casa dalla Seconda Guerra Mondiale. La famiglia si trasferisce a Fanna (Friuli). Nel 1949 inizia lo studio della musica con il maestro Guido Tandelli. Nel 1951 il padre emigra a Detroit, Michigan (USA). Nel 1954 finisce la scuola elementare a Fanna e insieme ai familiari emigra per raggiungere il padre. Nel 1957 frequenta la David Mackenzie High School a Detroit, Michigan. Inizia il suo interesse per l’arte.  Incontra lo scultore Jay Holland. Nel 1961 si diploma dalla David Mackenzie High School. Inizia a studiare scultura presso la Wayne State University, Detroit, Michigan. Nel 1964 ottiene l’incarico d’insegnare arte alla Birmingham-Bloomfield Art Center, Birmingham, Michigan. Nel 1966 ottiene dalla Wayne State University il “Bachelor of Fine Arts”. Espone in Waupun, Wisconsin. Vince il premio per il bronzo “Toscanini”.  La città di Waupun acquista la scultura per la Biblioteca Pubblica. Nel 1966 ottiene la laurea “Master of Fine Arts” per la scultura dalla Wayne State University. Viene assunto dalla stessa Università per insegnare disegno e anatomia. Nel 1968 la Facoltà di Legge della Wayne State University gli commissiona un grande rilievo in bronzo sul tema della giustizia. “Justitia et.al”. Disegna il medaglione ufficiale per la “Anthony Wayne Society” della Wayne State University. Nel 1968 espone con altri due scultori alla Birmingham Gallery, Birmingham, Michigan. Gli viene commissionata dalla Wayne State University una seconda grande scultura, circolare in bronzo, del generale “Anthony Wayne”.Nel 1968 las prima mostra collettiva nazionale, al museo d’arte dello stato del Minnesota con il tema “Drawing USA”. Nel frattempo apre uno studio con il pittore Edward Levine. Nel 1968 vince il primo premio per la scultura in Milwaukee, Wisconsin. Nello stesso anno viene nominato lettore di storia dell’arte dalla Wayne State University. Inizia una serie di grandi sculture: sarcofaghi e porte che rappresentano commenti sociali contro la violenza. Nel 1976 a causa del terremoto in Friuli ritorna in Italia. Tornato negli Stati Uniti prepara una serie di pannelli in cera per una mostra personale alla Artists Market Gallery, Detroit, Michigan. Gli viene commissionata una scultura rilievo di un indiano americano per la Ypsilanti High School, Ypsilanti, Michigan. Nel 1978 fa una mostra personale alla Sheldon Ross Gallery. Espone serie di pannelli “Steli e Misericordi”. Nel 1979 lavora in Italia e prepara una mostra personale alla Galleria Grigoletti di Pordenone; prima sua mostra in Italia. Nel 1980 viene invitato a fare una mostra personale al museo di Brevard County a Melbourne, Florida. Nel frattempo insegna presso la Brevard Art Center in Florida. Nel 1981 decide di lasciare l’insegnamento presso la Wayne State University. Allestisce una mostra personale alla Michigan Gallery a Detroit, Michigan. La Galleria Grigoletti di Pordenone gli organizza una personale presso la Galleria Rubens a Gradisca d’Isonzo (Friuli). Nel 1983 gli vengono commissionati i ritratti in bassorilievo di Stanley Kresge (il fondatore di una catena di grandi magazzini) e di Charlie Gehringer (un famoso atleta). Sposa Loretta Ann Gauvin. Vince il primo premio per la scultura, mostra collettiva alla Scarab Club. Nel 1983 ritorna in Italia per una mostra personale alla Galleria Grigoletti di Pordenone. Espone medaglioni in bronzo. Viene invitato dalla Facoltà di Architettura della Lawrence Institute of Technology per allestire una personale retrospettiva, a Southfield, Michigan. Nel 1983 espone a una mostra personale alla CADE Gallery a Royal Oak, Michigan. Rappresenta gli Stati Uniti alla Biennale Internazionale dell’Arte dei Medaglioni a Stoccolma, Svezia. Espone alla Central Michigan University, Mount Pleasant, Michigan. Nel 1983 viene scelto dalla Commissione statale dall’Arte Pubblica assieme ad altri tre artisti, per creare venti panelli per la nuova Biblioteca Statale a Lansing, Michigan. Nel 1987 espone per invito alla XXI Biennale Internazionale dell’Arte dei Medaglioni a Colorado Springs, Colorado. L’Arcidiocesi di Detroit gli commissiona una figura di Cristo per la croce ufficiale per la visita a Detroit del Papa Giovanni Paolo II. Organizza e dirige una mostra collettiva sul tema dell’Apocalisse alla Michigan Gallery, Detroit, Michigan. Nello stesso anno espone al Museo di Storia Naturale a Washington D.C e lavora ai pannelli commissionati dalla Chiesa di San Vito a Maniago, in occasione del bicentenario della chiesa. Partecipa a mostre collettive a Berkeley, California, Washington D.C., Tampa, Florida e a New York. Su commissione esegue un vasto fregio per il salotto dell’industriale Don Emanuel a Detroit. Nel 1988 ritorna in Italia per l’inaugurazione dei pannelli nella chiesa di San Vito a Maniago.  Lo presenta Ugo Perniola. Nello stesso anno l’installazione dei venti pannelli alla Bilblioteca Statale del Michigan, organizza per il Consolato d’Italia a Detroit una mostra alla Michigan Gallery,ed espone a una mostra collettiva alla Janus Gallery a Santa Fe, New Mexico. Nel 1989 è invitato dal Ministero del Tesoro degli Stati Uniti (United States Department of Treasury) assieme ad altri sette scultori a creare una medaglia per il “Bicentenario del Congresso Americano”. Per incarico dell’architetto Maurice Allen della ditta TMP viaggia a Phoenix nello stato dell’Arizona per lavorare nella chiesa Camelback Bible Church a preparare dei bozzetti per una serie di pannelli. Collabora ed espone con il Maestro scultore Jay Holland alla Michigan Gallery a Detroit una mostra retrospettiva di scultura. La Hidden Valley Ski Resort gli commissiona un trittico per la commemorazione del suo cinquantesimo anniversario. Per invito espone nella mostra collettiva “25 Detroit Artists” all’Istituto di Cultura nella citta’ di Zacatecas, Messico. Nel 1990 espone al Museo di Newark, New Jersey Medaglie Americane. Partecipa alla Artists Market Gallery.  Partecipa alla mostra collettiva “State of Michigan II”nella citta’ di  Southfield, Michigan. Espone all Galleria Michigan Gallery con il maestro Jay Holland.  È invitato con altri 25 artisti a esporre all’Istituto di Cultura di Zacatecas, Messico. È invitato dalla Società Numismatica Americana a partecipare a delle mostre Internazionali a New York, Museo delle Arti di Tampa, Florida, Smithsonian – Museum of Natural History, Washington D.C. Viene invitato a fare una personale alla Galleria dell’Università del Northern Michigan, Marquette, Michigan. Viene invitato dalla Cary Gallery a fare una mostra e collabora con Tom Humes  Rochester, Michigan. Rappresenta gli Stati Uniti alla XXIII Biennale Internazionale dell’Arte (F.I.D.E.M.), Museo Britannico, Londra, Inghilterra. Comincia una serie intitolata “Images from Ur” durante la prima guerra nell’Iraq. Nel 1991 viene selezionato e riceve dal Stato del Michigan un premio di $10,000 dollari per ricerche e per creare una serie di lavori in bronzo.Viene scelto dal Eastern Michigan University per creare quattro pannelli in bronzo sulla vita di Martin Luther King, Ypsilanti, Michigan. Finisce un grande panello e per l’Orchard Lake Country Club, Orchard Lake, Michigan. Viene invitato a creare un ritratto di Elentine V. Bonner per l’Ospedale Bonner Centro di Salute a Detroit. È invitato a fare una mostra personale alla Belian Gallery, Troy, Michigan. Nel 1992 rappresenta gli Stati Uniti al Congresso Internazionale (F.I.D.E.M.) a Helsinki, Finlandia. Partecipa alla mostra di disegni alla Galleria delle Belle Arti Detroit, Michigan.  Per gli uffici di legge Petrella & Associates finisce quattro rilievi, a Southfield, Michigan. Partecipa alla Focus Gallery, Detroit, Michigan. Viene invitato a una mostra di scultura “Outdoor Sculture Exhibit”, Southfield, Michigan. Nel 1993 partecipa a una mostra collettiva alla Galleria Tivoli, Salt Lake City, Utah. Crea una serie di sculture per l’atrio e la camera per conferenze degli uffici del Consolato D’Italia a Detroit. In questo anno il Presidente della Repubblica d’Italia gli conferisce il titolo di Cavaliere della Repubblica. Nel 1994 rappresenta gli Stati Uniti al Congresso Internazionale (F.I.D.E.M.), Galleria Nazionale Ungherese, Budapest, Ungheria. Gli architetti Smith Hinchman e Grylls Associates, Inc. gli commissionano la creazione di un rilievo commemorativo per il Palazzo Federale USA, Detroit, Michigan. L’architetto Dominic Abbate lo invita a creare sei panelli per la sua residenza. La Città di Livonia acquista un rilievo per l’entrata del Centro Civico, Livonia, Michigan. La De Paul University, Chicago, Illinois acquista un ritratto di San Vincenzo De Paulo per la collezione permanente dell’Università. Nel 1995 viene invitato dagli architetti Rosetti and Associates a creare quattro rilievi per la nuova “Societa Culturale Italiana” Birmingham, Michigan. È selezionato a creare un rilievo commemorativo del conduttore David Ward per il Comune di Trenton, Michigan. Gli vengono commissionati due rilievi circolari per la cappella commemorativa della chiesa Metodista di Farmington Hills, Michigan. Nello stesso anno gli viene dedicata una retrospettiva all’University of Michigan – “Sergio De Giusti 1967-1997” Dearborn, Michigan. Nel 1996 organizza e dirige “Patrimonio 100 Anni dell’arte italiana nello Stato del Michigan”, Wayne State University, Detroit, Michigan. Gli vengono commissionati nove bronzi commemorativi per la Wayne State University, Detroit, Michigan. Nel 1997 gli viene commissionato un rilievo in bronzo per l’entrata della Biblioteca Civica di Livonia, Michigan. Nello stesso anno l’Università Wayne State University, Detroit, Michigan, gli  conferisce il premio “Maestro D’Arte”. Nel 1998 gli viene commissionato un bronzo di tre metri’ per la piazza d’entrata della Blue Cross Blue Shield of Michigan, Detroit, Michigan. Nel 1999 crea un ritratto commemorativo in bronzo del Dottor Piero Foa. Mostra Personale  alla Studio Gallery, Alexandria, Virginia. Mostra Personale Cary Gallery.  Espone disegni e acquarelli alla Rochester, Michigan. Nel 2000 viene invitato a fare una mostra al Krasl art Center, St. Joseph, Michigan. Partecipa all’esposizione CADE Detroit Contemporary Gallery, Detroit, Michigan. Nello stesso anno ritorna in Italia per il funerale della madre. Viene invitato a fare una mostra di bronzi alla Gallery Park, Kalamazoo, Michigan. Fa una mostra antologica con Russell Keeter, Birmingham Art Center, Birmingham, Michigan. È invitato alla Gallery Park “Bronze 2000”, Kalamazoo, Michigan. Nel 2001 vince il insieme allo scultore David Barr il concorso per creare il monumento ai lavoratori per la città di Detroit. Viene invitato a fare una collettiva alla Doughtrey Gallery, Hilllsdale, Michigan. Nel 2002 rappresenta gli Stati Uniti al Congresso Internazionale (F.I.D.E.M.) a Parigi, Francia. Viene invitato a creare venti medaglie di bronzo e due grandi ritratti di Tazio Nuvolari per l’azienda Ferrari di Bloomfield Hills, Michigan. Nel 2003 viene invitato a fare una mostra personale alla Flatlanders Gallery, Blissfield, Michigan. Nel 2004 rappresenta gli Stati Uniti al Congresso Mundial de Medalhistica Art nedal World Congress (F.I.D.E.M XXIX.) Seixal, Portogallo. Partecipa all’esposizione “Midwest Sculpture Initiative”, Blissfield, Michigan. Nel 2005 espone a una mostra Personale alla District Arts Gallery, presenta disegni e bronzi. Viene invitato alla mostra “War Requiem” contro la guerra nell’Iraq, Madonna University, Livonia, Michigan. Viene invitato con tre opere alla Galleria Medialia – Rack and Hamper di New York. Nel 2007 torna in Italia a trovare l’amico Mauro Corona. Nel 2010 espone a una mostra personale “Tenebroso” alla Galleria Detroit Artists Market in Detroit. Nel 2011 ha ricevuto l’incarico di realizzare un pannello di bronzo in memoria del’Industriale Bill Davidson.

Annunci